2017/01/09

World Trade Center: an interview with survivor Marvin Pickrum

by Hammer. An Italian translation is available here.

We continue our commitment to preserving the memory of the events of 9/11 by publishing the account of survivor Marvin Pickrum, who was in the North Tower at the time of the first impact.

His vivid report is an important step towards understanding the feelings of those who directly experienced the World Trade Center attack.

We wish to thank Marvin Pickrum for his kindness and willingness to share his harrowing story.


Undicisettembre: What do you remember about 9/11, generally speaking?

Marvin Pickrum: I was working for a trading company of the 85th floor of Tower 1, I was getting ready to head to my trading floor which was on the lower floors, at the fourth floor of the tower. I was heading out of my office and going to the restroom and as I walked out of my office my building was hit, and when it was hit the building leaned forward. I knew and I could tell it was something big because I am an ex-military, I had been in the army and in the navy and I had been around explosions and stuff of that nature before and I knew it was something pretty serious. In addition when I was in the hallway the jet fuel from the airplane was filling up the elevators, it was traveling through the elevators shafts when the plane hit the building and I literally had to run down the hallway to escape the flames that were filling up in the hallway. Well, having served in the service I can tell you I’ve never felt that heat before. So from the building leaning and the heat from the flames I knew it was serious. In my life I rarely panic but that was one of the few times in my life I panicked.

My initial reaction was to try and head back to the office to see if my coworkers were ok, but when I turned around flames were filling up the hallway. It was if I was looking down the mouth of a dragon – literally! It was at that point I panicked and what went through my mind in that instant was there is no way they survived that, they must be dead. I never would have separated from my co-workers if I believed they were alive so I went into a survival mode.

So after the initial impact I was just trying to figure out what was going on and was basically trying to find out how to get out of the hallway and not burn by the flame, once I got at the end of the hallway I kind of collected myself, I got into an office that was down the hallway, looked outside to see what was going on outside, I didn’t see anything, the sky was clear. I collected myself and I decided I was getting out of the building, I knew right away I needed to get out of that building.

Before having all the facts people were making assumptions about what had happened, we started to hear the stories that a plane hit the building but we didn’t know how big it was. Nobody really knew. At that point people starting filling up the stairwell to get out of the building. There was no chaos in the stairwell, people were very orderly, once we were in the stairwell people were coming out of all the levels on the way down. It was very calm. On one of the floors I hooked up with one of my coworkers and through her I heard that everyone got out of our office and that they were okay. We connected when she was getting out of another floor and I was heading in her direction.

There was no immediate threat and we were just moving out of the building. We got to an area where we couldn’t continue down the stairwell, we had to move across in one of the lower levels and that was kind of being in a movie: there was fire everywhere, the corridor was broken up, there were people covered with ash. We got across that level, we ended up in a different stairwell to continue going down. When we were in the forties or fifties, or even lower than that, we started seeing firemen coming up; at that point I was confident we would have made it out because I thought “if the firemen are getting in it means there is a way out of the building”. At that point nobody considered that the building would have collapsed.

When we got to the fourth floor, at the time nobody knew it, was when Tower 2 collapsed. I was on the fourth level and I will never forget this. I was going down the stairs, I was looking at my coworker and she was standing against the wall about to turn down the stairwell and the building started shaking and the wall started to crack behind her. At that point people panicked, everyone was trying to get out of the building. We didn’t know if our building was also coming down. All the lights went out, there was smoke everywhere. There are images of that day you will never forget. We got to a point where there was so much smoke and no lights and we didn’t know what the path was to get out of the building. Firemen had light-sticks and emergency lights to tell you were the guy in front of you is, in the service that’s how we track each other at night. I saw one light-stick and I went that direction and that’s how I knew what was the path to get out of the building.


Se we went out of the building and I didn’t know and I couldn’t figure which side of the building it was, there was so much going on that I don’t remember how we got out of there. I just remember seeing the fireman and the next thing I know is we were out of the building. Out of the building there were debris everywhere, chaos. I remember telling my coworker “We are in a war zone.” We started following the crowd that was getting north, away from the building, we were trying to get as far away from the building as we could because of the thick smoke. A few minutes after that, when we were far away from the building, a little bit safer and the air was starting to get not as thick with smoke I thought “Okay, maybe I can turn around and take a look at the building to see what is going on.” I turned around and looked up and saw this huge hole and the buildings in the flames and fire. And our tower started to collapse. As you can imagine people went back into panic and we started running north as far away as we could to escape the collapsing building. My coworker lived in Brooklyn, I lived in Jersey City and there was no way I could get home, so we headed across the Brooklyn Bridge, we made it to her place, turned on the news and tried to process what had happened.


Undicisettembre: When did you eventually get home?

Marvin Pickrum: I didn’t get home until the weekend. We had just gotten bombed, so we went to a store and got alcohol because we needed to decompress. We went straight to a store and got beer and vodka, set on the couch and listened to all the stories and kind of processed it. I didn’t get back until the weekend, Saturday I believe it was.


Undicisettembre: What happened to you in those days, when you could not get home?

Marvin Pickrum: I just hanged out with my coworker, we listened to the news on CNN. I called my mother to let her know that I got out of the building okay and that I was staying with a coworker. The city was on lockout, there was no public transportation and going home wasn’t even a priority. I was trying to decompress mostly from what had happened.


Undicisettembre: How long did it take you to get your life back to normalcy?

Marvin Pickrum: Well, how do you define what normalcy is? I moved to New York because my goal was to become a trader, I was working for a trading company and that was my priority. I graduated from law school, I had a financial background and I wanted to be a trader. After 9/11 my emotional sense was to leave New York right away, a lot of people felt that way. Everybody was on an emotional edge but I didn’t want to take an emotional decision. I decided that I was going to take time and decide whether or not I wanted to stay there. New York is a very stressful city to live in, it’s an amazing city but also very stressful and there are a lot of people: it’s the best and the worst of everything. So 9/11 changed my life, I wouldn’t be here in San Francisco if it wasn’t for 9/11, I would have stayed in New York to become a trader.

So after 9/11 I stayed there for a year and then I said “It’s not worth it. This is too hard of a grind, I’m moving back to California, find a job there.” And I got my life back together, so when you say “When did you get back to normalcy?” my answer is “I never got back to normalcy.” It changed the course of my life, there was no doubt in my mind that I ultimately would have landed a job to do trading somewhere and it didn’t happen. I’m now an auditor with an IT company. But that’s not the vision that I had for my life, that’s not the goal that I had: 9/11 changed it.

So if you ask me if my life is normal, yes, I go to work as everybody else, I enjoy outdoor and all that California has to offer. Now my life is normal and it took a while because I spent a year in New York after 9/11 and moved to Los Angeles and worked as a trainer because I always wanted to be an athlete, so I worked as a trainer in a gym for a year and a half and you would never expect someone with my education and my background to have done that. But then I got back to a job that was in line with my education and background.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

Marvin Pickrum: Well, I came very close to being a Navy SEAL and for personal reasons I left that program. After 9/11 I wanted to go back into the service but at that point I was too old and physically I couldn’t do the things that I used to do when I was in my early twenties but I was angry, I was mad, I couldn’t believe that these guys targeted civilians.

Every single day I think about this whole thing with ISIS and what we are doing and I hope we are doing enough behind the scenes to really deal with that threat. Having almost become a special forces guy I have a different perspective on what our policies should be and when you hear there was another attack and that the whole world on the social media are encouraging people to commit this kind of terror against civilians I hope that the United States and the global community are doing everything that is necessary to eliminate, and I mean eliminate, that threat. I live in San Francisco but I lived in the East Bay where I had to catch a tunnel into the financial district and I don’t like being of those trains anymore because to me its such an easy target to hit. I think about this things while I don’t think other people think the same way.

But I go on with my life. We have been at war for I don’t know how long, we’ll continue to be at war. They are using tactics that are a sign of the times, I cannot worry about things I can’t control and I have to go to work like everybody else.


Undicisettembre: What do you think about wars in Afghanistan and Iraq?

Marvin Pickrum: It’s complicated, to me what’s happening in the middle East has given rise to these groups but I don’t understand the nature of why there’s so much conflict and I also feel it can never be resolved. When you try to follow “Ok, well, this group arose out of what happened in Iraq”, then there’s war in Syria, who’s supporting who it’s incredibly confusing. I believe we might have made some mistakes in terms of our policy but I don’t think I have the experience to really know the history behind that region and the basis for the conflict and the animosity towards us. Having said that, as an ex military I love my country, I’m a patriot and I hope we do all the necessary to eliminate that threat.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories that claim that 9/11 was an inside job?

Marvin Pickrum: I’m not a big believer in conspiracy theories unless there is proof. Well, I’m a lawyer and I ask these people “Show me some evidence. Is there any evidence that this was an inside job? If it is a conspiracy let me see the hard evidence.” Until then to me it’s just conjecture to sell newspapers and get people excited.

They have to show some evidence, it’s that simple. In my mind there was a group, we know who they were, they were tied to a very specific terrorist group.


Undicisettembre: Do you think the country is still living in fear or has it regained its standing in the world?

Marvin Pickrum: Well, I survived it, so I don’t fear it. We have threats as we always had, the United States have always had enemies, we are always going to have enemies, that’s why I support the military. That’s why I believe in having a strong, solid, effective, capable, competent military. Having said that I believe we need more intel to face this threat. I have no experience in that but I believe that good intel provides you with targets. I don’t think we have to repeat Iraq and mobilize huge masses of people and materials, I don’t think that’s the war of the future. So money should be shifted away from that into intel, to get information about who these people are where they are based.

As for the rest of the country I think people live their lives the way they always had. They get to work, have bills to pay, take care of the kids, education, but we are always going to face threats.

World Trade Center: intervista al sopravvissuto Marvin Pickrum

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui.

Continuando il nostro impegno affinché il ricordo di quanto accaduto l’11/9 non venga perso, offriamo oggi ai nostri lettori la testimonianza del sopravvissuto Marvin Pickrum che si trovava nella Torre Nord al momento del primo impatto.

Il vivido racconto di Pickrum aggiunge un importante tassello per capire le emozioni di chi ha vissuto personalmente l’attentato alle Torri Gemelle.

Ringraziamo Pickrum per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Cosa ricordi in generale dell’11/9?

Marvin Pickrum: Lavoravo per una compagnia di trading all’ottantacinquesimo piano della Torre 1, mi stavo preparando per andare al piano dove si fa il trading che era ai piani inferiori, al quarto piano della torre. Stavo uscendo dal mio ufficio e stavo andando in bagno e mentre uscivo dal mio ufficio il mio palazzo fu colpito, e quando fu colpito si inclinò in avanti. Sapevo e capivo che era qualcosa di grosso perché sono un ex militare, ero stato nell'esercito e nella marina e avevo visto le esplosioni e cose del genere in passato e sapevo che era una situazione piuttosto seria. Inoltre quando ero in corridoio il carburante avio dell’aereo riempiva gli ascensori, scendeva lungo le trombe degli ascensori quando l’aereo colpì il palazzo e io letteralmente dovetti correre nel corridoio per scappare dalle fiamme che lo stavano riempiendo. Beh, avendo servito nell’esercito posso dirti di non aver mai sentito un tale calore prima. Quindi dal palazzo che si era inclinato e dal calore delle fiamme capii che era una cosa seria. Nella mia vita di rado vado nel panico, ma quella fu una delle poche volte nella mia vita in cui ci andai.

La mia reazione iniziale fu di provare a tornare in ufficio per vedere se i miei colleghi stavano bene, ma quando mi girai le fiamme riempivano il corridoio. Era come se stessi guardando nella bocca di un drago, letteralmente! Fu a quel punto che andai nel panico e ciò che mi passò per la testa in quel preciso istante fu che non c’era modo che fossero sopravvissuti, dovevano essere morti. Non avrei mai lasciato i miei colleghi se avessi pensato che erano vivi, e quindi entrai in modalità di sopravvivenza.

Quindi dopo l’impatto iniziale stavo semplicemente cercando di capire cosa succedeva e principalmente cercavo di capire come uscire dal corridoio e non bruciarmi nelle fiamme; una volta arrivato alla fine del corridoio mi ricomposi un po’, entrai in un ufficio che era in fondo al corridoio, guardai fuori per vedere cosa stava succedendo, non vidi nulla, il cielo era terso. Mi ricomposi e decisi di uscire dal palazzo, in quel momento capii immediatamente che dovevo uscire dall’edificio.

Prima che si diffondessero le notizie, le persone facevano congetture su cosa poteva essere successo. Iniziammo a sentire storie di un aereo che aveva colpito il palazzo ma non sapevamo quanto fosse grande. Nessuno lo sapeva. A quel punto le persone cominciarono a riempire le scale per uscire dal palazzo. Non c'era caos per le scale, le persone erano molto ordinate, mentre eravamo nella tromba delle scale la gente usciva dagli uffici ad ogni piano per scendere. Era tutto molto calmo. A uno dei piani mi ricongiunsi con una mia collega e grazie a lei seppi che tutti erano usciti dall'ufficio e che stavano bene. Ci incontrammo quando lei stava uscendo da un altro piano e io stavo andando nella sua direzione.

Non c'era una minaccia imminente e noi stavamo semplicemente uscendo dal palazzo. Arrivammo in un’area dove non potevamo continuare a scendere per le scale, dovemmo attraversare il piano in uno dei livelli più bassi e fu come essere in un film: c’era fuoco ovunque, il corridoio era danneggiato, c’erano persone coperte di cenere. Attraversammo quel piano e finimmo in un’altra scala per continuare a scendere. Quando eravamo tra il quarantesimo e il cinquantesimo piano o tra il cinquantesimo e il sessantesimo, o forse ancora più in basso, cominciammo a vedere i pompieri che salivano; a quel punto fui fiducioso che saremmo usciti perché pensai “Se i pompieri stanno entrando significa che c'è un modo per uscire dal palazzo.” A quel punto nessuno considerava che l’edificio sarebbe crollato.

A quel punto non lo sapeva nessuno, ma fu quando arrivammo al quarto piano che crollò la Torre 2. Io ero al quarto piano e non me lo dimenticherò mai. Stavo scendendo lungo le scale, stavo guardando la mia collega e lei era in piedi vicino al muro, sul punto di girare per continuare a scendere, e il palazzo iniziò a tremare e sul muro dietro di lei apparvero delle crepe. A quel punto le persone andarono nel panico, tutti cercavano di uscire dal palazzo. Non sapevamo se anche il nostro edificio sarebbe crollato. Tutte le luci si spensero, c’era fumo ovunque. Ci sono immagini di quel giorno che non dimenticheremo mai. Arrivammo a un punto dove c’era così tanto fumo e nessuna luce che non sapevamo quale fosse il percorso da prendere per uscire. I pompieri avevano delle luci chimiche e delle luci d’emergenza che servono a segnalare dov’è la persona davanti a te, nelle forze armate è così che teniamo traccia l'uno dell'altro di notte. Vidi una luce chimica e andai in quella direzione, perché sapevo che lì avrei trovato la via d’uscita dal palazzo.


Quindi uscimmo dal palazzo e non sapevo e non capivo su quale lato del palazzo fossi, stavano succedendo così tante cose che non ricordo come siamo usciti da lì. Ricordo solo di aver visto il pompiere e la cosa successiva che ricordo è di essermi trovato fuori dal palazzo. Fuori c'erano macerie ovunque, caos. Ricordo di aver detto alla mia collega “Siamo in una zona di guerra.” Iniziammo a seguire la folla che stava andando verso nord, lontano dal palazzo, cercammo di andare più lontano possibile dai palazzi per via del fumo denso. Pochi minuti dopo, quando eravamo sufficientemente lontani dall'edificio, un po' più al sicuro e l'aria cominciava ad essere meno densa di fumo, pensai “Ok, forse posso girarmi e guardare l’edificio per vedere cosa sta succedendo.” Mi girai e guardai in alto e vidi questo immenso buco e gli edifici in fiamme. E la nostra torre iniziò a crollare. Come puoi immaginare, le persone furono prese di nuovo dal panico e iniziammo a correre verso nord, il più lontano possibile, per scappare dal crollo. La mia collega viveva a Brooklyn, io vivevo a Jersey City e non c'era modo che io potessi andare a casa, così ci dirigemmo verso il Ponte di Brooklyn, arrivammo a casa sua, accendemmo la televisione sul telegiornale e cercammo di elaborare ciò che era successo.


Undicisettembre: Quando finalmente tornasti a casa?

Marvin Pickrum: Non tornai a casa fino al weekend. Eravamo appena stati bombardati, quindi andammo in un negozio e comprammo degli alcolici, perché avevamo bisogno di riprenderci. Andammo diretti in un negozio e prendemmo birra e vodka, ci sedemmo sul divano a sentire le notizie e per cercare di elaborare ciò che era successo. Non tornai a casa fino al weekend, penso che fosse sabato.


Undicisettembre: Cosa ti è successo in quei giorni, quando non potevi tornare a casa?

Marvin Pickrum: Ho tenuto compagnia alla mia collega, sentivamo le notizie alla CNN. Chiamai mia madre per dirle che ero uscito dal palazzo e stavo bene e che ero dalla mia collega. La città era bloccata, non c'era trasporto pubblico e andare a casa non era nemmeno una priorità. Stavo cercando principalmente di riprendermi da ciò che era successo.


Undicisettembre: Quanto ti ci volle per tornare alla normalità?

Marvin Pickrum: Beh, come definisci cos’è la normalità? Mi ero trasferito a New York perché il mio scopo era diventare un trader, lavoravo per una compagnia di trading e quella era la mia priorità. Mi ero laureato in legge, avevo un background finanziario e volevo essere un trader. Dopo l’11/9 sentivo di voler lasciare New York subito, molte persone si sentivano così. Tutti erano molto scossi, ma io non volevo prendere una decisione sull’onda dell’emozione. Decisi che mi sarei preso del tempo per decidere se volevo rimanere lì. New York è una città molto stressante dove vivere, è una città stupenda ma anche molto stressante e ci vivono molte persone: è il meglio e il peggio di tutto. Quindi l’11/9 cambiò la mia vita; non sarei qui a San Francisco se non fosse per l’11/9. Sarei rimasto a New York e sarei diventato un trader.

Quindi dopo l’11/9 rimasi lì per un anno e poi mi dissi “Non ne vale la pena. È troppo stressante, torno in California, mi trovo un lavoro lì.” E ho ricomposto la mia vita, quindi quando chiedi “Quando tornasti alla normalità?” la mia risposta è “Non sono mai tornato alla normalità.” Ha cambiato il corso della mia vita, non c'era dubbio nella mia mente che sarei arrivato alla fine ad avere un lavoro come trader da qualche parte e non è successo. Ora sono un auditor in un’azienda informatica. Ma non era la visione che avevo per la mia vita, non era lo scopo che avevo: l’11/9 lo ha cambiato.

Quindi se mi chiedi se la mia vita è normale, sì, vado al lavoro come chiunque altro, mi piace stare all’aria aperta e tutto ciò che la California ha da offrire. Ora la mia vita è normale e mi ci volle un po’. perché trascorsi un anno a New York dopo l’11/9 e mi trasferii a Los Angeles e lavorai come allenatore, perché ho sempre voluto essere un atleta, quindi lavorai come allenatore in una palestra per un anno e mezzo. Non ti aspetteresti che qualcuno con i miei studi e il mio background faccia una cosa del genere. Ma poi sono tornato a un lavoro che era più in linea con la mia formazione e il mio background.


Undicisettembre: L’11/9 come condiziona la tua vita quotidiana?

Marvin Pickrum: Beh, arrivai molto vicino a essere un Navy SEAL e per motivi personali abbandonai quel programma. Dopo l’11/9 volevo tornare nelle forze armate, ma a quel punto ero troppo vecchio e fisicamente non potevo fare le cose che facevo quando avevo poco più di vent’anni, ma ero arrabbiato, ero furioso, non potevo credere che quella gente avesse preso di mira dei civili.

Ogni giorno penso a tutto ciò che sta succedendo con l’ISIS e ciò che stiamo facendo, e spero che stiamo facendo abbastanza dietro le quinte per gestire veramente questa minaccia. Essendo quasi entrato nelle forze speciali ho una prospettiva diversa su quali dovrebbero essere le nostre politiche e quando sento che c'è stato un altro attentato e che tutto il mondo sui social media incoraggia le persone a commettere questo tipo di attacchi terroristici contro civili spero che gli Stati Uniti e la comunità globale stiano facendo tutto il necessario per eliminare, e intendo dire eliminare, questa minaccia.Vivo a San Francisco, ma ho vissuto anche nella zona di East Bay, dove dovevo prendere un tunnel per andare nel distretto finanziario e non mi piace più stare su quei treni, perché per me sono un obiettivo molto facile. Penso a queste cose e non credo che altri pensino allo stesso modo.

Ma continuo con la mia vita. Siamo in guerra da non so quanto tempo, continueremo a essere in guerra. Loro stanno usando delle tattiche che sono un segno dei tempi, non posso preoccuparmi di ciò che non posso controllare e devo andare al lavoro come chiunque altro.


Undicisettembre: Cosa pensi delle guerre in Afghanistan e in Iraq?

Marvin Pickrum: È complicato, per me ciò che sta succedendo nel Medio Oriente ha fatto nascere questi gruppi, ma non capisco la natura del perché ci siano così tanti conflitti e penso anche che la cosa non possa essere mai risolta. Quando cerco di seguire “Ok, beh, questo gruppo è nato per via di ciò che è successo in Iraq”, poi c'è la guerra in Siria, chi supporta chi, è incredibilmente confuso. Credo che possiamo aver fatto degli sbagli per quanto riguarda la nostra politica, ma non credo di avere veramente l'esperienza per conoscere davvero la storia di quella regione e le basi del conflitto e l'animosità verso di noi. Detto questo, da ex militare amo il mio paese, sono un patriota e spero che stiamo facendo tutto il necessario per eliminare questa minaccia.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie del complotto secondo cui l’11/9 fu un inside job?

Marvin Pickrum: Non credo molto nelle teorie del complotto a meno che ci siano delle prove. Beh, sono un avvocato e chiedo a queste persone “Mostrami delle prove. C'è qualche prova che sia stato un inside job? Se c'è stata una cospirazione, fammi vedere delle prove concrete.” Fino ad allora per me sono solo congetture per vendere giornali e creare animosità.

Devono darci delle prove, è semplice. Per quanto ne so, c’era un gruppo, sappiamo chi erano, ed erano legati a un gruppo terroristico molto specifico.


Undicisettembre: Pensi che la nazione viva ancora nella paura o che abbia recuperato la sua posizione mondiale?

Marvin Pickrum: Beh, io sono sopravvissuto, quindi non ne ho paura. Abbiamo delle minacce, come ne abbiamo sempre avute, gli Stati Uniti hanno sempre avuto nemici, avremo sempre dei nemici, è per questo che supporto i militari. È per questo che credo nell’avere un apparato militare forte, solido, efficace, capace, competente. Detto questo, credo che ci serva più intelligence per affrontare questa minaccia. Non ho esperienza in questo campo, ma credo che una buona intelligence fornisca bersagli. Non credo che dobbiamo ripetere l'Iraq e mobilitare masse enormi di persone e materiali, non credo che sia quella la guerra del futuro. Quindi i soldi devono essere spostati da questo all'intelligence, per avere informazioni su chi sono queste persone e dove stanno.

Per quanto riguarda il resto del paese, penso che la gente viva le proprie vite come ha sempre fatto. La gente va al lavoro, ha bollette da pagare, deve prendersi cura dei propri figli, farli studiare, ma dovremo sempre affrontare delle minacce.

2016/12/12

Cosa sapeva la CIA prima dell'11/9: il summit del terrore di Kuala Lumpur

di Hammer

Tra il 5 e l'8 gennaio del 2000 si svolse a Kuala Lumpur, capitale della Malesia, un incontro di alcuni membri di al-Qaeda allo scopo di organizzare i principali attacchi terroristici che avrebbero condotto negli anni successivi. L'incontro è noto come il summit del terrore.

L'incontro fu organizzato da Riduan Isamuddin, noto con il nome di battaglia Hambali, nella casa malese del microbiologo Yazid Sufaat; entrambi gli uomini erano affiliati al gruppo terroristico del sudest asiatico Jemaah Islamiyah, legato ad al-Qaeda e ai Talebani. L'appartamento in cui si svolse l'incontro è nel quartiere di Bandar Sungai Long (foto sotto), complesso residenziale sorto attorno a un campo da golf nella citta di Kajang, a pochi chilometri da Kuala Lumpur; durante la sua detenzione a Guantanamo Hambali indicò il luogo con il nome di Song Gai Long.

Secondo quanto riportato dal 9/11 Commission Report, Hambali invitò all'incontro quattro membri di al-Qaeda che bin Laden aveva selezionato per condurre un attentato con l'uso di aeroplani: Khalid al-Mihdhar, Nawaf al-Hazmi, Tawfiq bin Attash (detto Khallad) e Abu Bara al-Yemeni. I primi due sarebbero poi stati tra i cinque dirottatori del volo American Airlines 77 che si schiantò sul Pentagono. Khallad e Abu Bara volarono a Kuala Lumpur a metà dicembre del 1999 da Karachi, in Pakistan; al-Hazmi li raggiunse una decina di giorni da Quetta, dove si spostò dopo essere stato a Karachi con gli altri due.


Sempre secondo il 9/11 Commission Report, Khalid Sheikh Mohammed disse in un'intervista agli inquirenti che ad al-Hazmi e al-Mihdhar fu indicato di usare i propri documenti yemeniti (il rapporto parla di yemeni documents, ma non specifica di quali documenti si tratti) per poi viaggiare verso gli USA con i passaporti sauditi, così da nascondere agli agenti di frontiera statunitensi di essere stati in Pakistan poco prima.

Il primo scopo di Khallad nella capitale malese non era però partecipare al summit, ma condurre alcuni test sulla sicurezza aerea. Il 31 dicembre infatti volò a Bangkok e il giorno seguente si spostò a Hong Kong con un volo di linea americano; prese in biglietto di prima classe, sperando di poter vedere l'interno della cabina di pilotaggio, ma dal sedile che gli fu assegnato non riuscì nel suo intento. Inoltre Khallad portò nel proprio bagaglio a mano un tagliacarte all'interno di una busta con i propri oggetti da toeletta. Il giorno seguente tornò a Bangkok da Hong Kong e ai controlli di sicurezza all'imbarco i controllori verificarono il suo bagaglio a mano e controllarono anche la busta con il tagliacarte, ma diedero un'occhiata generale e lo lasciarono passare. Sul volo Khallad attese che gli altri in prima classe si addormentassero, quindi tirò fuori la busta e nessun assistente di volo fece alcuna obiezione.

Da Bangkok Khallad tornò a Kuala Lumpur, dove il 5 gennaio arrivò anche al-Mihdhar. Durante l'incontro, che durò quattro giorni, i quattro discussero della pianificazione di alcuni degli attentati più importanti che al-Qaeda avrebbe condotto nei mesi successivi, come l'attacco alla USS Cole e quelli che si sarebbero svolto l'11 settembre del 2001. I partecipanti discussero anche alcuni scenari che poi non si concretizzarono, come il prendere in ostaggio i passeggeri dei voli dirottati.


In quel periodo la CIA seguiva già i due dirottatori, che avevano i visti per entrare negli USA, e continuò a sorvegliarli durante i quattro giorni del summit. I due furono anche fotografati dalla CIA, anche con il supporto delle autorità malesi. La CIA era anche informata del fatto che al-Mihdhar e al-Hazmi avevano visti per entrare negli USA, ma non ne informò l'INS, che avrebbe potuto bloccarli all'ingresso, né ne informò l'FBI, che avrebbe potuto seguirli negli USA così da capire le loro intenzioni. La CIA chiese all'INS solo il 21 agosto del 2001 di controllare se i due sospetti volessero entrare negli USA, ma ottenne come risposta che erano già entrati. A quel punto l'agenzia chiese all'FBI di cercarli, ma il tempo non fu sufficiente.

Purtroppo tutto sembra indicare che la CIA sottovalutò la minaccia rappresentata dai due terroristi che avevano visti per entrare negli USA e se avesse agito in anticipo è probabile che l’11/9 sarebbe stato evitato.

2016/11/14

Chi è Omar al-Bayoumi

di Hammer

Le 28 pagine del Joint Inquiry pubblicate a luglio del 2016, dopo essere rimaste secretate per 14 anni, hanno attirato l’attenzione sulla figura di Omar al-Bayoumi, il saudita che ofrrì aiuto logistico e finanziario ai dirottatori al-Mihdhar e al-Hazmi durante la loro permanenza in California.

Il testo delle 28 pagine lascia aperta la questione se al-Bayoumi sia o meno un agente dell'intelligence saudita e questo punto è ovviamente di fondamentale importanza. L’ambasciata saudita negli Stati Uniti ha smentito più volte (il 23 luglio, il 2 agosto e il 13 settembre del 2003) che al-Bayoumi fosse uno dei propri agenti e in un’intervista rilasciata alla 9/11 Commission nell’ottobre del 2003 a Riyadh lo stesso al-Bayoumi dichiarò di essere molto ferito nel venire descritto come una spia saudita.

Tuttavia il 10 aprile di quest’anno il senatore della Florida Bob Graham ha asserito nel corso della trasmissione televisiva 60 Minutes (in una puntata dedicata alle 28 pagine), in onda sulla CBS, che al-Bayoumi era noto all’FBI come un agente saudita anche prima dell’11/9. Lo stesso sospetto era diffuso nella comunità islamica di San Diego, come confermato da alcune testimonianze raccolte dal San Diego Magazine.

L’uomo nacque in Arabia Saudita e secondo il 9/11 Commission Report aveva 42 anni nel 2000, quindi la data di nascita risale al 1957 o al 1958. Secondo le 28 pagine, al-Bayoumi lavorò per la Saudi Civil Aviation Administration dal 1976 al 1993. Il settimanale San Diego Reader, nel luglio di quest’anno, ha dedicato un lungo articolo (che cita molte e autorevoli fonti) a chiarire chi fosse al-Bayoumi; secondo l’articolo in questione, l’uomo si sarebbe trasferito negli USA nel 1994 per studiare inglese alla San Diego State University.

Dalle 28 pagine apprendiamo che al-Bayoumi, durante la sua permanenza negli USA, veniva stipendiato da una compagnia saudita con sede negli Stati Uniti, presso i cui uffici però si recava molto di rado; inoltre la moglie di al-Bayoumi, chiamata Manal Bajadr, riceveva regolarmente sovvenzioni dalla famiglia reale e dall’ambasciata saudita negli USA. I due avevano anche quattro figli, che vivevano con loro a San Diego.

Secondo l’articolo del San Diego Reader, il primo incontro tra al-Bayoumi e i due dirottatori avvenne l’1 febbraio del 2000 al ristorante Mediterranean Gourmet, sul Venice Boulevard a Los Angeles, dopo che al-Bayoumi si era recato al consolato saudita nella medesima città. L’uomo avvicinò i due terroristi fingendo di far cadere un giornale accanto a loro, quindi si presentò e intavolò una discussione da cui scoprì che i due non si trovavano bene a Los Angeles e li invitò quindi a trasferirsi a San Diego.

Pochi giorni dopo al-Bayoumi li aiutò a trovare un alloggio presso i Parkwood Apartments (immagine sotto) di San Diego, nel quale viveva lo stesso al-Bayoumi, e questi li aiutò anche a pagare le prime rate dell’affitto anticipando il denaro con un assegno circolare poiché la proprietà della casa non accettò il pagamento in contanti dei due uomini che non avevano un conto corrente negli USA. Secondo le 28 pagine i due dirottatori trascorsero anche qualche giorno nell’appartamento di al-Bayoumi prima di affittarne uno nello stesso complesso.

Dopo pochi giorni al-Bayoumi organizzò anche per loro una festa di benvenuto al Centro Islamico di San Diego. I due dirottatori rimasero ai Parkwood Apartments fino a maggio del 2000, quando si trasferirono a casa di Abdussattar Shaikh, informatore dell’FBI, a Lemon Groove. Gli inquirenti non seppero che i dirottatori vissero a casa di un informatore dell’FBI fin dopo gli attacchi. In un’intervista alla 9/11 Commission anche Shaikh confermò di aver sentito, anche da al-Hazmi, che al-Bayoumi fosse un agente dell’intelligence saudita. L’uomo lo aveva forse appreso dalla comunità islamica locale, all’interno della quale molti credevano appunto che al-Bayoumi fosse una spia.


Il racconto di al-Bayoumi sulla sua frequentazione con i due terroristi alla 9/11 Commission fu comunque notevolmente diverso. Raccontò infatti di avere conosciuto i due terroristi al ristorante in modo del tutto fortuito, dopo essersi alzato dal proprio tavolo per prendere qualcosa in un frigorifero e aver sentito i due seduti poco lontano parlare in arabo tra loro. A quel punto si avvicinò loro per presentarsi. Al-Bayoumi raccontò quindi di averli incontrati una seconda volta alla moschea di San Diego dopo che i due avevano chiesto di lui all’imam. Inoltre asserì che i due dirottatori vissero vicino a casa sua solo per pochi giorni in quanto durante un suo viaggio di lavoro a Washington si sarebbero trasferiti a El Cajon dove i prezzi di affitto erano più bassi.

Nel luglio del 2001 al-Bayoumi si trasferì in Inghilterra, nell’area di Birmingham, per conseguire un dottorato di ricerca alla Aston University. Nel settembre del 2001, dopo gli attentati dell’11/9, al-Bayoumi fu arrestato da Scotland Yard su richiesta dell’FBI ma fu rilasciato dopo poco tempo, perché le indagini giunsero alla conclusione che al-Bayoumi non avesse legami con al-Qaeda e non fosse un complice degli attentatori, ma solo una persona che aveva interagito con loro negli USA. Dopo essere stato rilasciato, al-Bayoumi riprese gli studi presso la Aston University per poi tornare stabilmente in Arabia Saudita, dove vive tuttora.

Se, come sembra probabile, al-Bayoumi era davvero un agente dell’intelligence saudita, resta da spiegare il suo interesse verso i due dirottatori. Una delle ipotesi è che l’uomo volesse arruolarli come informatori, o solo indagare su di loro; in questo caso appare drammaticamente palese che l’11/9 sarebbe stato evitabile se l’intelligence saudita che seguiva i due terroristi non avesse sottovalutato la minaccia che questi rappresentavano.

2016/10/24

La presunta detenzione in Israele di Mohammed Atta

di Hammer

Nei giorni successivi all’11/9 si diffuse su alcuni media la notizia secondo cui Mohammed Atta sarebbe stato un terrorista già noto da tempo alle autorità americane e israeliane in quanto reo di un attentato contro un autobus in Cisgiordania nel 1986. Ne diedero notizia, tra gli altri, il Boston Globe il 13 settembre 2001 e il San Francisco Chronicle il 16 settembre 2001. Secondo quanto riportato sarebbe quindi incomprensibile come un noto terrorista possa essere entrato negli USA, averci vissuto liberamente e aver preso un aereo di linea.

L'attentato a cui tali articoli fanno riferimento fu perpetrato il 12 aprile del 1986 da un uomo di 33 anni chiamato Mahmoud Mahmoud Atta, che lanciò una bomba contro un autobus della compagnia israeliana Egged e poi, insieme a un complice chiamato Salah Hariz, sparò contro il mezzo con degli Uzi dopo che l'autobus si era fermato. Nell'attentato l'autista perse la vita e tre passeggeri rimasero gravemente feriti.

Secondo quanto riportato dal volume The Terrorist List: The Middle East di Edward F. Mickolus, Atta, nato in Giordania ma in possesso anche di cittadinanza statunitense, fu catturato in Venezuela nel maggio del 1987 e trasferito negli USA, dove fu arrestato dall'FBI, quindi fu estradato nel 1990 dagli USA verso Israele, dove fu condannato all'ergastolo.

In realtà il Mohammed Atta che pilotò il volò American Airlines 11 contro la Torre Nord del World Trade Center non ha alcun legame con Mahmoud Mahmoud Atta: si tratta solo di un caso di quasi omonimia, che in seguito all'11/9 generò confusione. La smentita che si trattasse della stessa persona fu pubblicata da varie testate, tra cui il Jerusalem Post il 7 novembre del 2001. Il Post specificò che tra i due Atta c'era un notevole differenza di età, che Mahmoud Mahmoud Atta era nativo della Palestina (e non della Giordania come riportato dal libro di Mickolus) mentre il dirottatore era egiziano, che l’uomo fu liberato dopo la condanna dalla Corte Suprema per irregolarità del processo di estradizione, e in ultimo che non era noto dove l'Atta che attaccò l'autobus si trovasse nel 2001 e se fosse ancora vivo. Anche il Boston Globe pubblicò il 19 settembre del 2001 la smentita del fatto che i due Atta fossero la stessa persona. Inoltre dell'arresto di Mahmoud Mahmoud Atta a New York esiste una foto del celebre fotografo Allan Tannenbaum, da cui si vede chiaramente che l'uomo è ben diverso dal dirottatore Mohammed Atta.

Un equivoco di questo tipo, e se ne verificarono molti altri durante l'identificazione dei 19 dirottatori dell’11/9, dimostra anche a chi sostiene che questi siano ancora vivi che in realtà le omonimie esistono e a volte possono portare a errori clamorosi, e che talvolta si verificano anche coincidenze all'apparenza improbabili, come il fatto che due omonimi possano essere entrambi terroristi.

2016/10/03

Getting bin Laden, il primo racconto della missione che uccise Osama

di Hammer

Prima della pubblicazione del libro No Easy Day di Matt Bissonnette (con lo pseudonimo di Marc Owen) e prima che Rob O'Neill raccontasse la propria versione dei fatti a The Esquire (celandosi dietro al nome The Shooter), fu pubblicato un primo e meno noto racconto della missione che uccise Osama bin Laden. L'8 agosto del 2011, a soli tre mesi dal raid di Abbottabad, il giornalista Nicholas Schmidle pubblicò sul New Yorker un lungo articolo intitolato Getting bin Laden, in cui descrisse in modo molto dettagliato come la missione era stata compiuta. L’articolo fu pubblicato anche prima del contestato volume SEAL Target Geronimo di Chuck Pfarrer, le cui lacune ed evidenti imprecisioni sono state evidenziate sia dall'American Thinker sia dal giornalista della CNN Peter Bergen.

Schmidle inizia la propria ricostruzione dal 2009, anno dell’insediamento di Barack Obama, che volle spingere di nuovo sulla ricerca del terrorista saudita dopo che la pista si era raffreddata sotto la presidenza di George W. Bush. L'anno seguente la CIA individuò uno dei corrieri di Osama che si spostava frequentemente verso un compound di Abbottabad i cui abitanti bruciavano i rifiuti all'interno delle mura anziché depositarli per la raccolta; inoltre all'interno della struttura abitava un uomo che non usciva mai dal recinto esterno. Dopo essere giunti, con un'azione di intelligence, alla ragionevole certezza che l'uomo che non usciva era proprio Osama bin Laden, Obama chiese alla CIA di predisporre alcuni piani per un raid nel compound.

Una delle prime ipotesi considerate fu di scavare un tunnel ed entrare da sottoterra, ma fu scartata perché il compound sorgeva su un bacino di ritenzione. Gli scenari proposti a Obama prevedevano quindi un bombardamento aereo o un raid con elicotteri. Il Presidente scelse la seconda opzione e incaricò l'ammiraglio McRaven di definirne i dettagli.

Vennero scelti per l'operazione 23 uomini del Red Squadron del SEAL Team 6; il gruppo condusse una settimana di esercitazioni nel North Carolina dal 10 aprile e una seconda settimana in Nevada a partire dal 18 aprile. Il piano prevedeva di trasportare gli uomini con due elicotteri Black Hawk, il primo dei quali avrebbe fatto scendere i 12 SEAL che trasportava al suolo vicino al compound, mentre il secondo elicottero avrebbe fatto scendere quattro SEAL, insieme al traduttore (che l'autore cela sotto lo pseudonimo di Ahmed), all'angolo nord orientale del compound affinché controllassero il perimetro per poi portare i restanti sette militari sul tetto della struttura. Il team partì il 26 aprile dagli Stati Uniti per arrivare dopo alcuni scali a Jalalabad due giorni dopo.

La notte tra l'1 e il 2 maggio del 2011 la missione non iniziò come previsto e i primi problemi si verificarono appena giunti al compound. Il primo elicottero, infatti, perse il controllo e atterrò in una situazione di emergenza, riportando gravi danni. Il pilota fece schiantare intenzionalmente il velivolo di muso in un recinto per animali all'interno delle mura esterne del compound per evitare che l’elicottero si rovesciasse su un lato. Non sapendo cosa fosse successo al primo Black Hawk, anche il secondo cambiò i propri piani e abbandonò l'idea di far scendere alcuni uomini sul tetto, atterrando invece sul terreno all'esterno delle mura.

Nonostante l'avvio problematico, il gruppo decise di continuare la missione; Schmidle descrive dettagliatamente i movimenti di ciascun gruppo di SEAL all'interno del complesso e dell'edificio fino a quando tre dei militari salirono al piano superiore, dove colpirono a morte il fondatore di al-Qaeda. I SEAL annunciarono quindi via radio al Presidente di aver ucciso "Geronimo", come era chiamato in codice il terrorista saudita.

Prima di riportare il cadavere in Afghanistan, i militari dovettero distruggere i resti dell'elicottero danneggiato: dapprima con mani e martelli e poi con dell'esplosivo. Un Chinook arrivò a prelevare il corpo di bin Laden e venne usato anche per trasportare alcuni SEAL in sostituzione dell'elicottero andato distrutto. Dal cadavere vennero estratti campioni di midollo osseo che furono trasportati sul Black Hawk in modo che viaggiasse su un mezzo diverso rispetto al corpo. Il cadavere fu quindi portato a Jalalabad, dove per verificare che l'altezza corrispondesse a quella stimata fu fatto sdraiare un SEAL di un metro e ottanta accanto al corpo del terrorista morto in modo da valutarne la differenza.

Il corpo di Osama fu quindi lavato, avvolto in una veste bianca e deposto nell'Oceano Indiano. La morte di bin Laden fu un grande successo politico e militare per la Casa Bianca e pochi giorni dopo anche al-Qaeda confermò il decesso del proprio leader.

Nonostante sia molto ricco di dettagli che si sono nel tempo rivelati corretti, l'articolo di Schimdle fu criticato dal giornalista Craig Silverman e da Adam Clark Estes, che contestarono che Schimdle non ebbe accesso ai racconti diretti dei militari che compirono la missione per scrivere il proprio pezzo. Tuttavia sia Schindle sia l'editore David Remnick ribatterono che l'autore aveva consultato fonti vicine al commando che aveva condotto le operazioni e che le informazioni riportate erano state adeguatamente verificate, nonostante effettivamente l'autore non citi le proprie fonti. Del resto, il lungo articolo di Schindle è citato come fonte anche dai migliori libri sulla missione che uccise Osama bin Laden, quali Manhunt di Peter Bergen e The Finish di Marc Bowden, e tuttora costituisce una delle migliori e più ricche fonti di informazioni per conoscere quanto accaduto quella notte ad Abbottabad.

2016/09/19

Giulietto Chiesa e i 500.000 euro raccolti per “Zero”

di Paolo Attivissimo

Gli anni passano, i ricordi si affievoliscono e le tracce in Rete delle asserzioni dei complottisti sull’11/9 spariscono. Ma è importante crearne una memoria permanente, per evitare confusioni e per fare in modo che i complottisti non possano rifarsi una verginità e far finta di non aver mai detto o fatto certe cose.

Per esempio, sono scomparse da Internet molte delle pagine che documentavano le dichiarazioni di Giulietto Chiesa sul costo di produzione del suo documentario Zero del 2007, diretto da Franco Fracassi e Francesco Trento. Il sito Zerofilm.it scriveva, a ottobre 2007, che il “valore” del documentario era di 500.000 euro, ma questa dichiarazione è scomparsa: la pagina non esiste più. Tuttavia Archive.org ne conserva tuttora una copia della versione in inglese:



Nel 2008 Undicisettembre raccolse questa immagine della versione italiana, che dice che “Il 100% del film vale 500.000 €”:



Una dichiarazione analoga fu raccolta da Abitarearoma.net nel 2007:

Come DIVENTARE COPRODUTTORI e CONTRIBUIRE
– E’ possibile fare versamenti a fondo perduto, usando Paypal e la carta di credito.
– E’ possibile diventare COPRODUTTORI a tutti gli effetti, versando 500 euro o multipli di 500 euro.
– E’ possibile acquistare percentuali di quote, investendo minimo 100 euro; 
Nel dettaglio:
1 – Il 100% del film vale 500.000 €. Tale ammontare è suddiviso in 1.000 quote da 500 €, che corrispondono ognuna allo 0,1% del totale. Per partecipare alla produzione, essere COPRODUTTORI, bisogna versare almeno 500 € o multipli di 500 €. I coproduttori partecipano ai guadagni complessivi del film in proporzione alla percentuale acquistata.
2 – Chi investe tra i 100 e i 500 euro acquisterà una percentuale di quota (ad es. 100 euro sono il 20% di una quota)
3 – Chiunque verserà meno di 100 euro lo farà a titolo di donazione a fondo perduto.

Per partecipare si può scrivere a: coproduzione@zerofilm.it
Tutte le info su www.zerofilm.it

Oggi il sito Zerofilm.it non esiste più. Questo sembra indicare che alcuni paladini italiani della lotta per la verità fatichino persino a mantenere aperto un sito Web, ora che le occasioni di sfruttamento economico sono svanite nel dimenticatoio.

In compenso esiste ancora un sito francese, Reopen911.info, che parla di Zero in questi termini (copia archiviata anche su Archive.is; screenshot qui accanto):

En tout, le film a coûté 500.000 Euros, dont 200.000 par l’actionnariat populaire, et le reste du financement est venu de nos propres disponibilités et aussi de notre travail et de notre expertise et de celle de Francesco.

Lo stesso sito aggiunge un altro dato interessante:

Il aurait pu coûter 100.000 de moins sans ce système d’actionnariat, car on ne peut pas négocier les prix et demander des rabais à quelqu’un de rémunéré par ce système d’actions. A ce jour, les gains n’ont toujours pas remboursé le budget du film.